Parrocchia Prepositurale "San Vittore Martire - Missaglia"

La Parrocchia “S. Vittore Martire” di Missaglia è un’antica comunità della Brianza: un territorio dove la fede cristiana innerva anche la vita della società civile. I primi accenni all’esistenza della chiesa di Missaglia, fin dalle origini dedicata a San Vittore Martire e a capo di una Pieve fra le più antiche, con giurisdizione su un’area assai estesa della Chiesa milanese nella Martesana, nella quale si contarono sino a ventisei tra chiese parrocchiali, cappellanie e chiericati, risalgono alla fine del secolo VIII.

basilica1 giugno 

La chiesa prepositurale aveva affiancato l’antico battistero plebano dedicato a San Giovanni Battista, a cui era legata la tradizione stessa di Missaglia come centro di tutta la Pieve, documento insigne, purtroppo demolito nel 1617. Radicali lavori di sistemazione e di ampliamento furono eseguiti dal prevosto Giovanni Tettamanzi, posto a capo della Pieve da San Carlo Borromeo nel 1574. Nel 1844 il prevosto Francesco Garavaglia, in considerazione dell’aumentata popolazione e dell’insufficienza del tempio, prese la grave decisione di abbattere la primitiva chiesa di San Vittore per costruire un nuovo tempio di misure e proporzioni più ampie. La prima pietra della nuova chiesa, costruita su disegno dell’architetto Giacomo Moraglia, fu posta il 1° maggio del 1844 e i lavori vennero ultimati in poco più di due anni. Il 1° novembre 1846, per la festa di Ognissanti, il Prevosto benediceva il nuovo tempio. Il tempio è Santuario mariano dedicato a Maria Vergine Assunta in cielo. Con lettera apostolica del 30 luglio 1946 la prepositurale plebana di Missaglia fu elevata per decisione di Papa Pio XII alla dignità di Basilica Minore. Il 14 di agosto dello stesso anno, a trecento anni dalla prima incoronazione e nel centenario della edificazione del tempio, il Beato Card. Alfredo Ildefonso Schuster incoronava la Madonna Assunta con un nuovo diadema dono delle spose e delle madri dei soldati della seconda guerra mondiale. Il Card. Carlo Maria Martini ha svolto la più recente visita pastorale nel 2002, in occasione dei 100 anni della Dedicazione della Chiesa Prepositurale a San Vittore Martire. Il Card. Dionigi Tettamanzi ha visitato la Parrocchia una prima volta nell’agosto del 2004 e ha successivamente presieduto, nel maggio del 2006, il solenne rito di consacrazione del nuovo altare, al termine dei lavori di restauro artistico-conservativo degli interni della Basilica protrattosi per due anni. Nel 2009 ha concelebrato una solenne eucaristia con tuti i Sacerdoti del Decanato di Missaglia a conclusione della Visita pastorale decanale. Per uno speciale vincolo spirituale tra la Basilica Papale di Santa Maria Maggiore in Roma e la Basilica di Missaglia, è possibile lucrare l'indulegenza plenaria in alcune particolari occasioni.

 

sanvittore1 giugno San Vittore Martire, Olio su tela di Stefano Danedi, detto il Montalto (inizio sec. XVII)

 

 assunto1giugno Simulacro di Maria SS. Assunta in cielo che si venera nella Basilica